Resta in contatto

News

Bianco, cuore Grifo: “Di Curi non oso pronunciare nemmeno il nome”

Il capitano del Perugia gioca col numero 8 e sente appieno la responsabilità e l’onore della maglia, della fascia e del numero che porta addosso.

Essere capitano ti dà una responsabilità in più – dice Raffaele Bianco a Tef –  sei guardato, visto e seguito dai compagni, che devono poter contare sempre su di te“.

Questa maglia pesa anche per il numero che porto, so che è stato indossato dal grande Renato, di cui faccio fatica anche a pronunciare il nome perché so cosa significa per Perugia“.

Mister Nesta ci bastona parecchio perché ha visto nel gruppo delle qualità importanti, si può fare un campionato non da comprimari, è una persona aperta, umile, abbiamo molto feeling e di questo trae ragionamento tutto il gruppo“.

Abbiamo determinate caratteristiche, come squadra, per questo giochiamo in un certo modo: è inevitabile partire da dietro anche perché non saremmo capaci di buttare la palla lunga, non abbiamo quelle qualità“.

 

Lascia un commento

Lascia un commento

avatar
  Subscribe  
Notificami
Advertisement

L'angolo del Sì!Happy

Vedi tutte le offerte a PERUGIA su Sì!Happy
Advertisement

Cerca con Pagine Sì!

Powered by Pagine Sì!

Altro da News